Torna a Freschi

foto1
Semplicemente buono

Ecco il tomino per eccellenza.
Viene preparato ancora oggi secondo la ricetta segreta creata da Carlo del Clat negli anni ‘30, attraverso tecniche artigianali e utilizzando solo latte vaccino.
foto2ok

Da accompagnare come vuole l’usanza

Consigliamo di gustare la consistenza morbida e il gusto dolce e fresco del Tomino Montoso al naturale, con sale e pepe o accompagnato dal tipico bagnetto verde piemontese.
foto3

Tomino Montoso

Confezioni a partire da 220 g

Scegli la confezione

Share Button
CI CHIAMI
+39 0175.580072
Lun/Ven 8.30/12.00 - 14.30/17.00
Tipologia
Latticino fresco di latte vaccino intero pastorizzato.

Ingredienti:
Latte, sale e caglio.

Shelf life
14 giorni dalla data di produzione in confezione integra. Prodotto senza conservanti.

Forma e dimensioni
Forma cilindrica, con diametro di 9 cm e di scalzo leggermente convesso di 3,5 cm. La faccia superiore è segnata dal telaio utilizzato nella lavorazione. Il peso di una forma è di 220 grammi circa.

Caglio
Liquido di vitello.

Crosta
Crosta assente, superficie umida di colore bianco porcellana.

Aspetto della pasta
Si presenta di colore bianco lucente. È una pasta tenera, umida e leggermente compatta.

Caratteristiche gusto-olfattive
Il sapore è prevalentemente dolce. Il sentore di salato, percepito al primo assaggio, scompare per poi lasciare posto alla sensazione lattica. In bocca il tomino è morbido, fresco e presenta una buona solubilità.
Il Tomino Montoso è ottenuto dalla lavorazione del latte di due mungiture. Il latte viene versato in apposite caldaie ad una temperatura di 36° gradi e, dopo l’aggiunta del fermento e del sale, si coagula con caglio di vitello. Dopo circa un’ora la cagliata viene rotta e messa nei caratteristici stampi. Il tomino verrà girato una prima volta dopo circa un’ora dalla produzione e più tardi, privato dello stampo, viene adagiato sul telaio che gli conferisce il distintivo disegno rigato. La maturazione è molto breve e si conclude con la sosta di 12 ore in frigorifero, prima del confezionamento.
Data la naturale delicatezza del Tomino Montoso è bene preferire dei bianchi con una media struttura e un fruttato non troppo pronunciato. Un vino sapido tipo un Vermentino oppure rimanendo in territorio piemontese un Erbaluce di Caluso. Altri abbinamenti sperimentateli voi stessi, in quanto gioca un ruolo importante il piacere personale.
Il Tomino Montoso è perfetto da mangiare al naturale. Lo si può esaltare con un filo d’olio extravergine, oppure con l’aggiunta di sale, pepe o peperoncino. È abitudine in Piemonte accompagnarlo con il tipico bagnetto verde (bagnet verd) o una salsa rubra. Volendo osare una confettura ai frutti di bosco o di mirtilli.
Nessuna informazione disponibile

Ti potrebbe interessare…

Tomino Mezzo Montoso Dettaglio
Tomino Mezzo Montoso
Confezioni a partire da 300 g
Stracchino Dettaglio
Stracchino
Confezioni a partire da 250 g
Primo Sale Dettaglio
Primo Sale
Confezioni a partire da 250 g